STATUTI E REGOLAMENTI

W

Statuto Club Alpino Italiano

Secondo la definizione fornita dall’articolo 1 dello Statuto, il Club alpino italiano (Cai), fondato a Torino nel 1863 su iniziativa di Quintino Sella, è una «libera associazione nazionale, ha per scopo l’alpinismo in ogni sua manifestazione, la conoscenza e lo studio delle montagne, specialmente di quelle italiane, e la difesa del loro ambiente naturale».

I 42 articoli dello Statuto sono divisi in tre parti e otto titoli: costituzioni, finalità, sede, ordinamento e patrimonio (titolo I); soci (titolo II), assemblea dei delegati (titolo III), organi centrali (titolo IV), organizzazione centrale, direzione, amministrazione, contabilità e bilanci (titolo V); sezioni (titolo VI); raggruppamenti regionali (titolo VII); disposizioni generali e finali (titolo VIII).

W

Regolamento Generale Club Alpino Italiano

Se lo Statuto è il primo testo di riferimento, le articolate e variegate attività del Cai sono normate da specifici regolamenti. Il regolamento generale, ad esempio, dispone sulle modalità di adesione al Club alpino italiano, sul tesseramento, sui diritti e sui doveri dei soci, sulle quote associative e sui contributi ordinari e straordinari, ma anche su eventuali agevolazioni.

 

W

Statuto della sezione Castelfranco Emilia

Anche la nostra sezione ha un suo statuto le cui linee guida sono strettamente legate a quelle del CAI centrale, ma dove necessario adattate alle esigenze della sezione stessa.